QUANDO IL TEMPO BUSSERÀ ALLA TUA PORTA, NON FARTI TROVARE ALL’APPUNTAMENTO

RADIOFREQUENZA MONOPOLARE
25 maggio 2018
LA RIDENSIFICAZIONE DINAMICA CON TEOSYAL PEN
28 maggio 2018

QUANDO IL TEMPO BUSSERÀ ALLA TUA PORTA, NON FARTI TROVARE ALL’APPUNTAMENTO

Dott. Gino Luca Pagni


Gli Ultrasuoni focalizzati per ringiovanire senza bisturi
L’invecchiamento strutturale cutaneo che si riflette nello specchio e nello sguardo di chi ci sta davanti è da sempre un “ospite” o meglio un “compagno” assai sgradito da cui tutti noi desideriamo fuggire o quantomeno evitare: non per nulla vengono proposti rimedi per contrastare o rimediare all’invecchiamento biologico di qualsiasi livello, sia cosmetologici sotto forma di creme e preparati vari che di natura medica sotto forma di procedure iniettive o strumentali e quindi minimamente invasive oppure rimedi chirurgici che hanno il loro culmen nel lifting del viso e del collo e la cui efficacia è direttamente proporzionale alla scientificità ed alla natura del trattamento proposto e le cui conseguenze e tempi di recupero sono ovviamente proporzionali al tipo di procedura scelta.
Continua a leggere

Il miglioramento dell’aspetto del viso e del collo sono una delle procedure sempre in vetta alle preferenze dei pazienti che si rivolgono al medico estetico e al chirurgo plastico, e mentre per il viso abbiamo molte frecce teoricamente possibili per il nostro arco, per il collo spesso ci troviamo disarmati e costretti ad applicare quel poco che la scienza medica sinora ci offriva. Fortunatamente la tecnologia si evolve sempre di più e ci aiuta in maniera sostanziale a venire incontro alle crescenti aspettative di buon risultato con il minimo impegno e la minima invasività e tempi di recupero da parte dei pazienti: in questo senso le ingenti risorse destinate alla ricerca da parte dell’industria bio-tecnologica portano alla creazione di apparecchiature medicali dedicate al ringiovanimento non chirurgico sempre più efficienti e sicure. Poiché una delle principali ragioni dell’invecchiamento cutaneo è data dalla decadenza del collagene sia come quantità che come qualità, viene logico ricercare nella rigenerazione del collagene stesso uno dei più efficaci “antidoti” all’invecchiamento cutaneo. A tale scopo è stata introdotta anche in Italia una procedura chiamata “Ultherapy”, nata negli USA ed approvata dalla FDA, che utilizza gli ultrasuoni in maniera non invasiva per conseguire un lifting non chirurgico, cioè minimamente invasivo, di viso, collo e dècolletè.

Tale tecnologia utilizza gli ultrasuoni, quegli stessi ultrasuoni con cui noi qualche volta nella vita abbiamo familiarizzato nel corso di una comune ecografia e che in questa procedura sono elettronicamente elaborati per focalizzarli alla profondità necessaria, fornendo durante il trattamento stesso una immagine ecografica dei tessuti cutanei e sottocutanei fino ad una profondità di circa 8 mm e quindi comprendendo l’intero spessore che va dall’epidermide fino al muscolo. Essendo una procedura non invasiva che agisce ad un determinato livello non viene danneggiata la cute e non sono necessari periodi di riposo domiciliare: un lieve edema transitorio della durata di alcuni giorni può comparire nel 50% circa dei casi così come lievi arrossamenti cutanei. Tale procedura può essere eseguita su tutti i tipi di pelle e praticabile durante tutto l’arco dell’anno. Da un punto di vista pratico Ultherapy prevede l’applicazione diretta sulla pelle della zona da trattare di un manipolo cui sono applicati dei trasduttori capaci di produrre e veicolare gli ultrasuoni a profondità pre-stabilite (1.5mm, 3.0mm, 4.5mm) per poter trattare l’intero spessore cutaneo e sottocutaneo fino alla fascia muscolo aponeurotica superficiale.

La procedura è leggermente fastidiosa ma non particolarmente dolorosa, tanto che non è necessario eseguire una anestesia. Questi ultrasuoni determinano punti di coagulazione termica al fine di denaturare il collagene presente in maniera precisa e circoscritta e stimolare quindi il processo di neocollagenogenesi con formazione di fibre collagene ed elastiche e conseguire un effetto finale di riposizionamento e rassodamento della cute in modo assolutamente naturale; la procedura prevede una uni ca seduta ed il risultato della seduta stessa inizierà a palesarsi dopo circa 4 settimane in concomitanza con la rigenerazione di nuove fibre collagene ed elastiche e si arriverà al massimo del risultato dopo circa 6 mesi, nel corso dei quali si assisterà ad un graduale miglioramento del tono e dell’aspetto della pelle assimilabili ad un delicato “lifting” non chirurgico dovuto alla rigenerazione delle fibre collagene ed elastiche. “Più passa il tempo, più diventi bella” è un aforisma che spiega in maniera sintetica questo concetto. Un importante vantaggio della procedura “Ultherapy” è che prevede una sola seduta di durata variabile dai 30 ai 90 minuti a seconda dell’estensione e del numero di zone che desideriamo ringiovanire ed approfitta della capacità di guarigione naturale del corpo per ristrutturare gradualmente la pelle e gli strati sottocutanei. Naturalmente è impensabile oggi pensare ad un rimedio non invasivo che ci consenta di avere i medesimi risultati di un lifting chirurgico in cui si riposizionano sia la cute che il muscolo, ma finalmente esiste una tecnica per lavorare sulla cute migliorandone tono ed elasticità senza far ricorso al bisturi.