Prevenzione e trattamento dell’invecchiamento cutaneo anche d’estate
16 Marzo 2018
Manteniamo i benefici dell’estate
16 Marzo 2018

La Visita Tricologica

Dott. Palamara e dott.ssa Serena Sanga

LA VISITA TRICOLOGICA

I capelli, per alcuni considerati “semplici annessi cutanei”, conservano per l'essere umano un profondo valore simbolico, nell’antichità erano espressione di “forza, virilità, potere...” ;la loro funzione è quella di essere visti ed "ammirati".

Il paziente che si rivolge al Medico Tricologo per una patologia (caduta o perdita di capelli), reale o presunta che sia, è molto spesso in uno stato di profondo sconforto ed il dovere del medico Tricologo è quello di dargli sollievo e spiegargli al meglio le cause del suo problema. Il paziente ha diritto a tutta l'attenzione del medico; egli deve sentirsi ascoltato e capito, perché si formi quel rapporto di fiducia essenziale per una buona riuscita del trattamento terapeutico.
Continua a leggere

La malattie che colpiscono il capello sono molteplici, quali ad esempio: • Alopecia Androgenetica • Alopecia Areata • Ipotrichia Estrone Carenziale • Alopecia Psicogena • Alopecia Cicatriziale • Tricotillomania • Dismorfofobia • Dermatite Seborroica • Telogen effluvio acuto o cronico

E tante altre, le terapie quindi, per via sistemica e/o topica sono molteplici in base alla malattia. Non esistono attualmente cure miracolose in grado di dare rapidamente ai pazienti i risultati terapeutici che essi vorrebbero; d’altra parte siamo assolutamente convinti che un defluvio androgenetico, come le altre patologie, seguite adeguatamente durante la loro evoluzione, curate nel tempo e con competenza, possano sempre essere rallentate nel loro decorso naturale verso la calvizie, o essere arginate e talvolta risolte con ricrescita dei capelli perduti.

La medicina tricologica è conoscenza, scienza, esperienza, umanità e la competenza del Medico Tricologo unita ad una accurata visita con anamnesi olistica e sistemica, insieme al giusto supporto tecnico, ci permettono di suggerire ad ok le terapie maggiormente specifiche a ciascun caso.

Proporre e diffondere la cultura della prevenzione tricologica è il primo passo preventivo per evitare gli inestetismi che affliggono i capelli; la salute del capello è fondamentale per l’armonia della persona, per piacersi e per piacere, non solo giuste consulenze estetiche ma anche consigli e terapie fondate su base scientifica e protocolli condivisi con le società scientifiche di riferimento.

La visita tricologica presso il nostro istituto medico è finalizzata alla diagnosi delle patologie dei capelli e del cuoio capelluto, e alla loro cura con terapie mediche low dose medicine e/o chirurgiche quando necessarie, con il supporto di nuove tecnologie ed elettromedicali all’avanguardia (O2 terapia).

La prima parte della visita consiste nella raccolta di notizie anamnestiche e in particolar modo di tutte le informazioni riguardanti il paziente e la sua famiglia secondo il concetto della systems medicine con importante indagine dell’ imprinting del “ -9 +6 “ ( i nove mesi di gestazione del paziente e i primi sei anni di vita), fondamentali per l’indagine conoscitiva del paziente, utili dal punto di vista tricologico.

La fase successiva della visita comprende l’esame obiettivo del cuoio capelluto e l’esame strumentale in videodermatoscopia (VDS), metodica strumentale non invasiva, che consente mediante un videoscopio con un polarizzatore della luce, collegato ad un pc, un’accurata osservazione del cuoio capelluto e delle unità follicolari del capello in vivo, fornendo la reale situazione di come si trova lo stato di salute degli stessi con immagini ad ingrandimenti variabili di elevata qualità, studiando la superficie del corneo fino al derma superficiale.

La capillaroscopia infine, permette la valutazione dell’ossigenazione cutanea per lo stato di salute e benessere delle unità follicolari.

Oggi, l’imaging tricologico si è notevolmente arricchito con lo studio al Microscopio a Luce Polarizzata. Tale tecnica relativamente nuova ma molto poco praticata , in quanto necessita di una curva di apprendimento, è diventata ormai di indiscussa utilità diagnostica in tricologia, i bulbi vengono valutati nei caratteri morfologico-strutturali in tutta la loro struttura endogena. Infine il check up cutaneo tricologico esame strumentale che si affianca ai precedenti, individualizza la protezione presente sul cuoio capelluto tramite la quali/quantificazione del film idrolipidico acido negli adulti. La visita di controllo dopo circa 3/4 mesi, e le successive dopo 6 mesi, serve a valutare la situazione clinica del paziente dopo il periodo di terapia prescritto dal medico e alla prescrizione della fase successiva di cura. E’ necessario portare con sé le prescrizioni effettuate dal medico durante la visita precedente.