Infiammazione Cronica Sistemica di Basso Grado
15 Marzo 2018
Terzo medio e terzo inferiore del volto: Odontoiatria e Chirurgia Estetica
16 Marzo 2018

Ultrasuoni di terza generazione Lesc

Dr. Stefano Toschi

ULTRASUONI DI TERZA GENERAZIONE LESC NEL TRATTAMENTO DELLE ADIPOSITA' LOCALIZZATE

L'Utilizzo di Ultrasuoni nel trattamento degli eccessi adiposi risale alla fine degli anni '80 quando questa tecnologia venne applicata alla liposuzione per agevolare l'aspirazione del grasso (UAL: Ultrasound Assisted Liposuction).

In questa I generazione di US si produsse una sonda del diametro di 5mm lunga 30 o 40cm che fosse in grado contemporaneamente di aspirare ed emettere onde ultrasoniche utilizzando una cannula provvista di foro.
Continua a leggere

Ciò tuttavia causava una notevole dispersione del segnale, con necessità di aumentarne la potenza per non perdere di efficacia causando di conseguenza una serie di effetti collaterali(ecchimosi ed edema prolungati, ustioni cutanee, perdita di sangue e siero,ipo-parestesie anche permanenti) che rendevano poco accettabile il decorso post operatorio,senza contare che l'eccessivo riscaldamento dei tessuti determinava spesso la presenza di irregolarità ad onde della cute sovrastante l'area adiposa trattata,con conseguenti inestetismi che richiedevano successiva correzione.

La II generazione di US, risalente alla metà degli anni '90 proponeva sonde di diametro leggermente inferiore(4mm) e senza fori ma con la presenza di un ispessimento a livello della punta che determinasse un effetto booster sull'onda ultrasonica evitandone la dispersione laterale. Questa evoluzione tecnologica seppur riduceva la potenza necessaria ad ottenere l'effetto desiderato tuttavia non determinava un significativo decremento della temperatura di esercizio,mantenendo così nella sostanza gli stessi effetti collaterali già descritti.

La terza generazione di US, cui appartengono quelli utilizzati nella tecnica LESC,risolvono tutti gli inconvenienti precedenti utilizzando il 50% in meno della potenza necessaria con gli US di I generazione con una rendimento doppio (misurato in Joule/cm2).La tecnologia è talmente raffinata da permettere un'emissione dell'onda ultrasonica soltanto longitudinale in una cannula di soli 2mm di diametro corta( 14 o 18cm) che non si riscalda mai oltre i 25° .

Ciò consente di effettuare trattamenti decisamente più “soft” sia nella fase di esecuzione, che è tranquillamente effettuabile in anestesia locale,sia nel decorso successivo che è gravato da nulle o poche complicanze peraltro rapidamente e completamente reversibili (su oltre 6000 interventi effettuati da più di 50 specialisti diversi non si è verificato alcun caso di complicanza maggiore o permanente).

Inoltre questa sonda di ultima generazione consente di effettuare un 'emulsione del grasso di tipo selettivo,poichè le bolle d'aria che contraddistinguono il caratteristico effetto cavitazionale attraversano le lasse giunzioni intercellulari degli adipociti, ma non quelle serrate delle cellule dei vasi, dei nervi e della matrice connettivale contigue che pertanto non vengono coinvolte nell'azione ultrasonica con evidenti benefici.

Va inoltre sottolineato che all'epoca dei primi trattamenti risultava sorprendente come oltre alla riduzione volumetrica del tessuto adiposo si verificasse un effetto di retrazione della cute sovrastante non giustificato dalla denaturazione proteica come avviene con altri tipi di apparecchiature utilizzate col medesimo scopo (laser, radiofrequenza, plasma) in quanto come detto l'ultrasuono non supera i 25° contro i 45° necessari ad ottenere la denaturazione delle proteine.

La spiegazione di questo fenomeno è data dal fatto che l'ultrasuono di III generazione agisce riducendo il volume del grasso subdermico , a composizione prevalentemente acquosa,che limita le capacità contrattili del derma , Quest'ultimo diviene così in grado di esprimere un maggiore grado di contrazione,oltretutto di natura molto più fisiologica di quella data dalla denaturazione proteica,che è in sostanza una retrazione fibrosa da calore.

Per tutti questi motivi gli US di ultima generazione sono all'avanguardia per efficacia e sicurezza nell'utilizzo allo scopo di ridurre le adiposità localizzate,ed ulteriore motivo di soddisfazione è dato dal fatto che sono il prodotto di una tecnologia italiana.