NUOVO APPROCCIO AL LIPOFILLING IN CHIRURGIA PLASTICA
18 Aprile 2018
LASER E COUPEROSE
18 Aprile 2018

UN NUOVO CONCETTO DI BELLEZZA

Dott. Massimo Renzi

Naturalezza e rispetto della propria unicità
La medicina estetica si sta confrontando con un nuovo paradigma di bellezza. Superati i modelli che vedevano le donne identificarsi con un concetto di bellezza rispondente a canoni rigidi e massificati, oggi la parola d’ordine è personalizzazione e naturalezza. Ecco allora che il chirurgo plastico deve concentrarsi su uno studio più approfondito delle caratteristiche estetiche, uniche, della paziente che incontra nel suo studio, accompagnandola in un progressivo percorso che non alteri, ma renda armonici i suoi tratti somatici.
Continua a leggere

Naturalmente le pazienti si presentano ad età diverse. Nella paziente più matura i nuovi prodotti, ricordiamo i fller di ultima generazione, il lifting non chirurgico ad ultrasuoni microfocalizzati, la tossina botulinica utilizzata con giusta sapienza, potranno garantire ottimi risultati rispettando un aspetto naturale e non artefatto.

Siamo tutti consapevoli di come interventi troppo aggressivi su visi non più giovani ottengano un effetto deturpante di non piacevole effetto. Il chirurgo plastico dovrà quindi essere prima di tutto un empatico comunicatore, che sappia condurre la paziente verso interventi che mirino alla naturalezza e al rispetto della propria unicità somatica. Dovrà intervenire con un programma personalizzato, che contempli la prevenzione dell’invecchiamento.

Questo obiettivo potrà essere perseguito effettuando un piano di informazione con la paziente, anche attraverso mass media, che crei una consapevolezza dei nuovi strumenti, delle tecniche avanzate della chirurgia estetica, molto meno invasive rispetto al passato. E’ importante rivolgersi a professionisti che studino nella globalità il viso e sappiano valorizzare le parti del volto più compromesse usando tecniche combinate che non alterino le caratteristiche morfologiche del viso, ma che incidano esclusivamente sul difetto presente.

Oggi, infatti, grazie al lifting non chirurgico ad ultrasuoni microfocalizzati, i fller riassorbibili di ultima generazione e al botulino, possiamo ottenere risultati importanti mantenendo un effetto di piacevole naturalezza. Dove l’invecchiamento abbia portato difetti più importanti rimane comunque consigliata una chirurgia che, grazie a tecniche innovative e meno invasive, riesce a ottenere ottimi risultati senza l’esasperazione che purtroppo in questi anni ha demonizzato la chirurgia estetica.